Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Sicurezza nelle aziende, decreto per la qualificazione

Espresso parere positivo della Conferenza Stato – Regioni su decreto per la qualificazione per la sicurezza delle aziende.
La Conferenza Stato Regioni, presieduta dal Ministro per i Rapporti con le Regioni e la Coesione territoriale, nella seduta del 20 aprile ha esaminato e discusso svariati provvedimenti e ha espresso parere positivo sul decreto del Presidente della Repubblica per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinati, ai sensi  dell’articolo 6, comma 8,  lett. g) del T.U. 81/08 che cita: “La Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha il compito di:
definire criteri finalizzati alla definizione del sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi di cui all’articolo 27. Il sistema di qualificazione delle imprese è disciplinato con decreto del Presidente della Repubblica, acquisito il parere della Conferenza per i rapporti permanenti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, da emanarsi entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto;

Un passo avanti quindi verso la definitiva emanazione del decreto che stabilirà  i settori lavorativi che si sono rivelati più a rischio, e quali debbano essere i criteri per stabilire quali sono le imprese in possesso di idonei requisiti di sicurezza e tutela della salute per i lavoratori.
In alcuni settori, primo fra tutti l’edilizia, o quello delle imprese che svolgono lavori  in ambienti confinati, il livello di rischio cui sono esposti i lavoratori è molto alto. Per contrastare la scia di incidenti gravissimi e continuativi cui si assiste in quei settori si è quindi reso necessario prevedere ulteriori norme a tutela dei lavoratori. Il decreto quindi stabilirà che le ditte che vogliono operare in quei settori debbano essere qualificate e possedere le sufficienti garanzie per quanto riguarda la sicurezza e la salute dei lavoratori.