Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Rischi per lavoratori derivanti da agenti fisici, nuovo Decreto

In Gazzetta Ufficiale numero 192 del 18 agosto 2016 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 1 agosto 2016 numero 159 riguardante Attuazione della direttiva 2013/35/UE sulle disposizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici) e che abroga la direttiva 2004/40/CE.

Il nuovo Decreto è composto di due articoli e contiene un Allegato come sua parte integrante. L’articolo 1 definisce le Modifiche al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. In particolare, questi sono gli articoli a cui sono apportate modifiche:

  • articolo 206 relativo al campo di applicazione;
  • articolo 207 relativo alle definizioni;
  • articolo 208 relativo ai valori limite di esposizione e valori di azione.

L’articolo 207 definisce campi elettromagnetici come campi elettrici statici, campi magnetici statici e campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici variabili nel tempo con frequenze sino a 300 GHz. Il datore di lavoro ha l’obbligo di garantire che l’esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici non superi i valori limite di esposizione relativi agli effetti sanitari e agli effetti sensoriali.

In alcuni casi, l’esposizione può superare i valori minimi, ossia quando non siano superati i valori limite di esposizione relativi agli effetti sanitari; siano evitate eccessive scariche elettriche; siano state fornite ai lavoratori e agli RLS tutte le informazioni riguardanti la situazione di rischio.

Il provvedimento è entrato in vigore il 2 settembre 2016.

Per approfondire: Decreto Legislativo 1 agosto 2016, n. 159